francescamariabersani blog

news, foto, curiosità dal mondo ma non solo …

Il coraggio dei pacifisti israeliani che hanno manifestato ieri a Tel Aviv


E’ bene sapere, specialmente in questo momento storico, che i pacifisti israeliani esistono. Così come esistono obiettori di coscienza al servizio di leva obbligatorio, i refusenik, che vengono messi in prigione o agli arresti domiciliari. “«In tempo di guerra tutti i casi di insubordinazione e diserzione vengono trattati con estrema severità» dicono i portavoce militari. 

Ecco uno dei resoconti della manifestazione pacifista di ieri svoltasi a Tel Aviv preso da Ansa.it.

TEL AVIV – Si è svolta in un clima di forte intimidazione la manifestazione pacifista indetta ieri a Tel Aviv in protesta contro l’occupazione dei territori palestinesi e contro il blitz israeliano sulla nave turca Marmara, mentre era diretta a Gaza con aiuti umanitari. Lo ha riferito il pacifista israeliano

Uri Avnery (87 anni) che al termine della dimostrazione è stato aggredito da un gruppo di facinorosi. Avnery ha precisato che si è trattato di una delle dimostrazioni più significative della sinistra israeliana negli ultimi tempi, con una adesione di movimenti disparati, da Pace Adesso (sinistra sionista) fino al partito comunista arabo-ebraico Hadash. Ma dimostranti di destra, ha aggiunto, hanno cercato di disturbare i comizi e qualcuno ha anche lanciato nella folla un candelotto fumogeno.

“Forse quel qualcuno sperava di creare panico, ma la nostra reazione è stata compassata” ha aggiunto Avnery che si trovava, con la moglie, a due metri di distanza. “Al termine della manifestazione, mentre accompagnato da un paio di amici e da mia moglie attraversavo la centrale via Ibn Gvirol per salire in macchina – ha riferito Avnery – siamo stati circondati da una decina di persone ben organizzate”.

“Hanno cercato a forza di impedirmi di entrare nella macchina, mentre ci gridavano: ‘Andate a Gaza, maniaci’ “. Avnery ha avuto la sensazione che presto sarebbero passati anche alla violenza fisica, ma l’intervento tempestivo della polizia lo ha salvato. Avnery ha poi criticato il blitz sulla nave Marmara dove, ha precisato, viaggiavano “pacifisti turchi” la cui reazione all’ arrivo del commando israeliano “é stata comprensibile”.

Il compito della sinistra israeliana in questa fase, ha concluso, “é di lottare contro il lavaggio del cervello e la propaganda stolta” diffusa, a suo giudizio, dal governo israeliano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: